AREE TEMATICHE

Close N W AMBIENTE E TERRITORIO

Close N W BIOARCHITETTURA

Close N W ECOARTE

Close N W ECOCULTURA

Close N W ECODESIGN

Close N W ECOSOCIETA

box_sinistra.jpg

 

Case costruite   

in balle di paglia

casa_in_balle_di_paglia.jpg

 Links                  

Italia

www.laboa.org

Austria

www.baubiologie.at

Francia

www.compaillons.fr

Francia

www.botmobil.org

Francia

 

www.lamaison

enpaille.com

Germania

www.fasba.de

Gran Bretagna

www.amazonails.

co.uk

Gran Bretagna

www.strawbale-

building.co.uk

Lithuania

www.siaudunamai.lt

Olanda

www.strobouw.nl

Polonia

www.strawbale.pl

Polonia

www.biobudown

ictwo.org  

Slovacchia

www.ozartur.sk

Spagna

www.casadepaja.org

Ungheria

www.szalmahaz.hu

 

sito_denuclearizzato.png

 

Universita_del_bene_comune.jpg

 

sem_terra.jpg

 

Visite

   visitors

   visitor online

N W ECOSOCIETA - Dopo Cophenaghen

 DOPO COPENHAGEN

di Piero Bevilacqua 
(Professore ordinario di Storia contemporanea Universita La Sapienza di Roma)
20/12/2009
Dunque, il summit mondiale, che ha visto coinvolti i grandi della terra, i rappresentanti a vario titolo di ben 193  paesi, numerosissime associazioni volontarie,  si è concluso con un mezzo fallimento. Nessuno protocollo formale vincolante, nessuna possibilità di  controllo effettivo sul rispetto degli impegni generici sottoscritti.
 I risultati di questo vertice, lungamente atteso, si presterebbero a molte considerazioni. La prima dovrebbe riguardare l'efficacia reale di queste affollatissime assisi, la loro capacità di sortire risultati operativi reali. Se essi anticipano i futuri parlamenti del mondo unificato non siamo su una buona strada.
Mi pare di poter dire, a questo proposito, che essi sono in realtà una grande vetrina internazionale, coerente ai moduli e alle finzioni della società dello spettacolo, in cui il potere politico mostra la propria buona volontà ai   suoi cittadini-elettori e alla platea mondiale. I governanti, semplicemente, fanno  pubblicità alle proprie modeste offerte di cambiamento dei poteri  e degli equilibri dominanti. Tutti, infatti, possiamo  facilmente porci questa domanda:    quanto USA e Cina potrebbero fare insieme,  senza grandi vertici, con pochi apparati e con grandissima efficacia , per ridurre i gas serra solo grazie a semplici accordi bilaterali? Basterebbe solo volerlo.
Queste ultime considerazioni introducono la seconda esigenza di riflessione. Perché il potere degli stati – e quindi, in ultima istanza, dei partiti, del ceto politico – ha tanta forza di decisione rispetto alla reale volontà e al reale interesse dei  popoli? Ma forse la domanda andrebbe riformulata in altro modo. Perché, di fatto, il ceto politico – anche il più aperto e disponibile, qual'è ad es., quello rappresentato da Obama – subisce così insormontabili condizionamenti da parte del potere economico? Perché spesso  esso si riduce a supino megafono di tali poteri ?
Non appare questa una delle  più grandi  e crescenti  contraddizioni del nostro tempo? Da una parte una  società civile sempre più informata e consapevole, sempre più sensibile alle sorti dell' ambiente e della terra, e dall' altra un potere opaco e lontano, sempre meno rispettoso dei bisogni reali, delle preoccupazioni dei cittadini. E' una contraddizione insostenibile, una delle più gravi del nostro tempo su cui occorrerà riflettere e lavorare. 
Ma oggi da Copenaghen dovremmo trarre una lezione in positivo, come ha sottolineato il premio Nobel per la pace Wangari Maathai su 'L'Unità' del  19 dicembre. Il vertice, qualunque sia la sua conclusione, non porrà fine alle lotte.   Dagli  anni '70 a oggi,  con il suo Green Belt Movement , Maathai ha fatto piantare 40  milioni di alberi in Kenya, per bloccare l'erosione che divora la terra di quel paese. Perché non la si può imitare anche in Europa, in Italia, nel Lazio, a Roma? Perché non lanciare una campagna che investa i poteri locali, agronomi e botanici, semplici cittadini perché si piantino alberi ovunque possibile? Piante che generano ossigeno, consumano CO 2, danno ombra e fresco d'estate, assorbono l'acqua delle piogge,  abbassano la temperatura, stabilizzano   il clima?
Una simile campagna servirebbe anche  a  diffondere l'idea che la campagna intorno ai nuclei urbani  non è in attesa del cemento dei centri commerciali, ma il luogo dove si protegge l'ambiente e il clima della città. Ecco dunque un fronte di lotta nuovo da proporre alle varie associazioni attive nelle realtà locali. Rivendichiamo il piantamento di alberi per salvaguardare il clima, per  affrontare le estati sempre più roventi dei prossimi anni, per mostrare che il territorio è un bene comune che non può essere dilapidato.
 
pink_primula_woods.jpg


Creation date : 24/06/2010 @ 12:07
Last update : 24/06/2010 @ 12:07
Category : N W ECOSOCIETA
Page read 3581 times


CHI SIAMO

Close NEWORLD

 

facebook-logo-jpg2.jpg

 

   banner_NW_160x320.jpg

   NWARTLOGO.jpg

   NWART_banner160.jpg

   OPENARTMARKETLOGO.jpg

 

   sbilanciamoci.jpg

ecologia_al_governo2010.jpg

DIECI PROPOSTE PER CAMBIARE

L'ECONOMIA E LA SOCIETA'

stopalconsumoditerritorio.jpg

http://www.stopalconsumoditerritorio.it/

 

 

 intestazionescuolaverdeWEB.jpg

Ricerca



Calendario

 

 


 

 

  

2010 ANNO INTERNAZIONALE

DELLA BIODIVERSITA'

2010_logo_160.jpg

 

custodi_bio-banner_160.jpgcustodi_bio-banner_160.jpg

via_campesina_banner.jpg

rete_semi_rurali.jpg

 

Ribes_banner.jpg

Reteitalianagermoplasma

 

global_seed_vault_160.jpg

Global Seed Vault

 

bannercentroRicicloVedelago.jpg

Centro Riciclo Vedelago: come

fare a meno degli inceneritori!

  

 IPEN.jpg

 

banner_Stockholm_convention.gif

Stockholm Convention on

persistent organic pollutants
 

convegno_Piero_Bevilacqua.jpg

www.neworldproject.it/

articles.php?lng=it&pg=125 


jungo_banner.jpg

Abbatti il traffico!

www.jungo.it

 

 adotta_un_kw.jpg

  

 

 

vivai_belfiore.jpg

www.vivaibelfiore.it/index.shtml

 

La_selva_armonica_banner.jpg

www.laselvaarmonica.com/

 

 

 

 

 

^ Top ^