AREE TEMATICHE

Close N W AMBIENTE E TERRITORIO

Close N W BIOARCHITETTURA

Close N W ECOARTE

Close N W ECOCULTURA

Close N W ECODESIGN

Close N W ECOSOCIETA

box_sinistra.jpg

 

Case costruite   

in balle di paglia

casa_in_balle_di_paglia.jpg

 Links                  

Italia

www.laboa.org

Austria

www.baubiologie.at

Francia

www.compaillons.fr

Francia

www.botmobil.org

Francia

 

www.lamaison

enpaille.com

Germania

www.fasba.de

Gran Bretagna

www.amazonails.

co.uk

Gran Bretagna

www.strawbale-

building.co.uk

Lithuania

www.siaudunamai.lt

Olanda

www.strobouw.nl

Polonia

www.strawbale.pl

Polonia

www.biobudown

ictwo.org  

Slovacchia

www.ozartur.sk

Spagna

www.casadepaja.org

Ungheria

www.szalmahaz.hu

 

sito_denuclearizzato.png

 

Universita_del_bene_comune.jpg

 

sem_terra.jpg

 

Visite

   visitors

   visitors online

N W ECOCULTURA - Il cibo offeso - di Carlo Pedrini

“Il cibo offeso”
di Carlo Petrini - 15/10/2008
da La Repubblic
a

 

 

Mi ha sempre incuriosito sapere che fine fanno le mozzarelle, le ricottine e i formaggi freschi che, sugli scaffali di un supermercato, campeggiano con la data di scadenza imminente. Sono sempre venduti in tempo? Immagino di no: lo san no tutti che per portarsi a casa un prodotto che duri un po’ di più nel frigorifero basta pescare in fondo alla fila di prodotti sullo scaffale, dove posizionano quelli con la scadenza più lontana.  

 

Dunque dove vanno a finire quelli con poca vita? Non è un segreto che molti, direttamente dalla fabbrica, regolarmente finiscono nei cassoni per rifiuti del supermercato.

 

Mi indignavo per quanto cibo viene buttato via ogni giorno nei Paesi come il nostro, ben inseriti nel sistema agro-alimentare industriale. Mi chiedevo come sia possibile che a causa del sistema di produrre e distribuire il cibo si debba tollerare un simile schiaffo alla povertà e questo sonoro attentato alla salute degli ecosistemi.

 

Ma non mi indignavo abbastanza, perché evidentemente qualcuno più interessato si è posto le mie stesse domande, ed era inevitabile, con questa sorta di bolla di produzione intensiva tra le mani, che facesse un pensierino per rientrare della perdita: era sufficiente allungare la data di scadenza.

 

Il peggior cattivo pensiero che poteva venirmi in mente ora sembra concretizzarsi: illegale, criminale nei confronti di ignari cittadini. Troppo facile indignarsi. Voglio invece sottolineare come ce la dovevamo aspettare, prima o poi. E’ il sistema di come il cibo è fatto, trattato e distribuito che ha creato l’occasione per l’uomo ladro. La mamma dei furbetti, del resto, è sempre incinta.

 

Il cibo, mentre perde il suo portato di identità e cultura una volta trattato a livello intensivo e seriale, si trasforma in una cosa soltanto da vendere comprare, si svuota di sostanza, diventa effimero, virtuale e impalpabile come quei soldi che transitano alla velocità della luce sui mercati internazionali, fino a diventare un debito che non si può più pagare. Un debito che si può spingere fino alla contraffazione più vigliacca, che però in questo caso non attentale tasche dei cittadini, ma la loro salute.

 

Il cibo rimane il bandolo per capire il mondo in cui viviamo e mai come ora mi viene da dire che è ora di ripensare questo sistema alimentare globale. Serve un new deal del cibo, per combattere la fame ma anche per riportarlo alla terra, e al territorio; per una produzione che sia espressione degli uomini e che non sia vittima delle fregole produttivistiche, capitaliste e del "denaro a tutti i costi".

 

Farne di meno ma dappertutto, farlo viaggiare meno, che sia di maggiore qualità e a prezzi giusti per chi lo coltiva e per chi lo compra. Ridarlo in mano ai contadini.

 

Oggi in certi supermercati non troverete più i prodotti di certe marche. Poco male: per fortuna in Italia, nel territorio di ognuno di voi, ci sono dei produttori di formaggi sensazionali, tutti diversi tra di loro, uno più buono dell’altro, molti a prezzi concorrenziali. Quella è la produzione reale, l’economia locale che si può toccare e vi rappresenta, che ha facce riconoscibili, con le quali potrete prendervela direttamente se qualcosa, ma è ben più difficile, al limite dovesse andare storto.

 


Creation date : 20/10/2008 @ 19:39
Last update : 10/12/2008 @ 07:58
Category : N W ECOCULTURA
Page read 1968 times


Print the article Print the article


CHI SIAMO

Close NEWORLD

 

facebook-logo-jpg2.jpg

 

   banner_NW_160x320.jpg

   NWARTLOGO.jpg

   NWART_banner160.jpg

   OPENARTMARKETLOGO.jpg

 

   sbilanciamoci.jpg

ecologia_al_governo2010.jpg

DIECI PROPOSTE PER CAMBIARE

L'ECONOMIA E LA SOCIETA'

stopalconsumoditerritorio.jpg

http://www.stopalconsumoditerritorio.it/

 

 

 intestazionescuolaverdeWEB.jpg

Ricerca



Calendario

 

 


 

 

  

2010 ANNO INTERNAZIONALE

DELLA BIODIVERSITA'

2010_logo_160.jpg

 

custodi_bio-banner_160.jpgcustodi_bio-banner_160.jpg

via_campesina_banner.jpg

rete_semi_rurali.jpg

 

Ribes_banner.jpg

Reteitalianagermoplasma

 

global_seed_vault_160.jpg

Global Seed Vault

 

bannercentroRicicloVedelago.jpg

Centro Riciclo Vedelago: come

fare a meno degli inceneritori!

  

 IPEN.jpg

 

banner_Stockholm_convention.gif

Stockholm Convention on

persistent organic pollutants
 

convegno_Piero_Bevilacqua.jpg

www.neworldproject.it/

articles.php?lng=it&pg=125 


jungo_banner.jpg

Abbatti il traffico!

www.jungo.it

 

 adotta_un_kw.jpg

  

 

 

vivai_belfiore.jpg

www.vivaibelfiore.it/index.shtml

 

La_selva_armonica_banner.jpg

www.laselvaarmonica.com/

 

 

 

 

 

^ Top ^