AREE TEMATICHE

Close N W AMBIENTE E TERRITORIO

Close N W BIOARCHITETTURA

Close N W ECOARTE

Close N W ECOCULTURA

Close N W ECODESIGN

Close N W ECOSOCIETA

box_sinistra.jpg

 

Case costruite   

in balle di paglia

casa_in_balle_di_paglia.jpg

 Links                  

Italia

www.laboa.org

Austria

www.baubiologie.at

Francia

www.compaillons.fr

Francia

www.botmobil.org

Francia

 

www.lamaison

enpaille.com

Germania

www.fasba.de

Gran Bretagna

www.amazonails.

co.uk

Gran Bretagna

www.strawbale-

building.co.uk

Lithuania

www.siaudunamai.lt

Olanda

www.strobouw.nl

Polonia

www.strawbale.pl

Polonia

www.biobudown

ictwo.org  

Slovacchia

www.ozartur.sk

Spagna

www.casadepaja.org

Ungheria

www.szalmahaz.hu

 

sito_denuclearizzato.png

 

Universita_del_bene_comune.jpg

 

sem_terra.jpg

 

Visite

   visitors

   visitor online

N W AMBIENTE E TERRITORIO - Orti metropolitani per combattere la fame
ORTI METROPOLITANI PER COMBATTERE LA FAME
fonte: FAO

Con il fenomeno dell'urbanizzazione in continuo aumento a livello mondiale, l'agricoltura intorno e dentro le aree urbane dovrà svolgere un ruolo maggiore nel provvedere cibo alle popolazioni delle città, si legge in una nota della FAO diramata in occasione della Giornata Mondiale dell'Ambiente.
L'agricoltura urbana e periurbana già adesso fornisce cibo a circa 700 milioni di cittadini – un quarto della popolazione urbana a livello mondiale. La crescita demografica, prevista da adesso al 2030, sarà concentrata quasi interamente nelle zone urbane dei paesi in via di sviluppo. Per quella data si prevede che circa il 60 per cento della popolazione dei paesi in via di sviluppo vivrà in aree metropolitane.
Con agricoltura urbana si indica l’utilizzo di piccoli appezzamenti, lotti non coltivati, giardini o tetti terrazzati per coltivare prodotti ortofrutticoli e perfino per allevare animali da cortile o mucche da latte. Le dimensioni possono variare molto, si va da piccoli "micro-orti" a coltivazioni più ampie. Una pratica connessa è la cosiddetta agricoltura "peri-urbana", che consiste in unità agricole nelle periferie urbane dove si coltivano prodotti agricoli, o si allevano polli e bestiame per la produzione di uova e latte.
L’indice di povertà delle aree metropolitane continua a crescere, e con esso cresce il numero di coloro che incontra difficoltà per provvedere al proprio fabbisogno alimentare. In molti paesi in via di sviluppo le popolazioni urbane povere spendono il 60 per cento ed anche di più del proprio reddito per mangiare.
A questo si sommano infrastrutture carenti per il trasporto di cibo verso i centri urbani. Si stima che le grandi distanze, le cattive condizioni delle strade ed il sovraffollamento siano la causa di una perdita dei prodotti in transito stimata sino al 30 per cento.
E poiché i nuovi stili di vita urbani portano molta gente a consumare più grassi e meno fibre, più cibo pronto e meno pasti cucinati a casa, i paesi in via di sviluppo devono adesso fare i conti con un doppio problema: da una parte quello della fame diffusa e dall’altra il rapido aumento dell’obesità, del diabete, delle malattie cardiovascolari e di altre patologie legate alla cattiva alimentazione.
L’agricoltura urbana e peri-urbana può contribuire ad aumentare la sicurezza alimentare in vari modi: coltivare prodotti alimentari a casa o in cooperativa riduce per i poveri il peso della spesa alimentare, rende disponibile cibo per la famiglia e riduce la scarsità stagionale di prodotti freschi. Inoltre, aumentando la diversità e la qualità del cibo consumato può far migliorare sensibilmente la qualità dell’alimentazione urbana.
La vendita della produzione in eccesso può inoltre diventare fonte di reddito aggiuntivo, di cui disporre per comprare altro cibo. Secondo la FAO, perfino i "micro-orti" possono rendere alle famiglie meno abbienti sino a 3 dollari al giorno, che non è poco se si pensa che circa 1,2 miliardi di persone sopravvivono con meno di un dollaro al giorno, e che circa tre miliardi tirano avanti con meno di due dollari al giorno.
Nella metropoli africana di Dar es Salaam, capitale della Tanzania, sono usati per l’orticoltura circa 650 ettari di terra.
Questa attività dà da vivere ad oltre 4.000 piccoli contadini. Grazie ad un progetto FAO sui tetti terrazzati di Dakar, in Senegal, sono stati creati degli orti di pomodori di un metro quadro ciascuno che arrivano a produrre dai 18 ai 30 kg di pomodori all’anno.
Tuttavia, nonostante la sua crescente importanza, l’agricoltura urbana e peri-urbana si scontra ancora con molte difficoltà: la mancanza di terreno idoneo, l’incertezza sul regime fondiario degli appezzamenti, l’accesso insufficiente all’acqua per l’irrigazione, la mancanza di know-how e gli scarsi investimenti.
 

Creation date : 26/10/2008 @ 09:46
Last update : 25/03/2009 @ 19:02
Category : N W AMBIENTE E TERRITORIO
Page read 1480 times


Print the article Print the article


CHI SIAMO

Close NEWORLD

 

facebook-logo-jpg2.jpg

 

   banner_NW_160x320.jpg

   NWARTLOGO.jpg

   NWART_banner160.jpg

   OPENARTMARKETLOGO.jpg

 

   sbilanciamoci.jpg

ecologia_al_governo2010.jpg

DIECI PROPOSTE PER CAMBIARE

L'ECONOMIA E LA SOCIETA'

stopalconsumoditerritorio.jpg

http://www.stopalconsumoditerritorio.it/

 

 

 intestazionescuolaverdeWEB.jpg

Ricerca



Calendario

 

 


 

 

  

2010 ANNO INTERNAZIONALE

DELLA BIODIVERSITA'

2010_logo_160.jpg

 

custodi_bio-banner_160.jpgcustodi_bio-banner_160.jpg

via_campesina_banner.jpg

rete_semi_rurali.jpg

 

Ribes_banner.jpg

Reteitalianagermoplasma

 

global_seed_vault_160.jpg

Global Seed Vault

 

bannercentroRicicloVedelago.jpg

Centro Riciclo Vedelago: come

fare a meno degli inceneritori!

  

 IPEN.jpg

 

banner_Stockholm_convention.gif

Stockholm Convention on

persistent organic pollutants
 

convegno_Piero_Bevilacqua.jpg

www.neworldproject.it/

articles.php?lng=it&pg=125 


jungo_banner.jpg

Abbatti il traffico!

www.jungo.it

 

 adotta_un_kw.jpg

  

 

 

vivai_belfiore.jpg

www.vivaibelfiore.it/index.shtml

 

La_selva_armonica_banner.jpg

www.laselvaarmonica.com/

 

 

 

 

 

^ Top ^