AREE TEMATICHE

Close N W AMBIENTE E TERRITORIO

Close N W BIOARCHITETTURA

Close N W ECOARTE

Close N W ECOCULTURA

Close N W ECODESIGN

Close N W ECOSOCIETA

box_sinistra.jpg

 

Case costruite   

in balle di paglia

casa_in_balle_di_paglia.jpg

 Links                  

Italia

www.laboa.org

Austria

www.baubiologie.at

Francia

www.compaillons.fr

Francia

www.botmobil.org

Francia

 

www.lamaison

enpaille.com

Germania

www.fasba.de

Gran Bretagna

www.amazonails.

co.uk

Gran Bretagna

www.strawbale-

building.co.uk

Lithuania

www.siaudunamai.lt

Olanda

www.strobouw.nl

Polonia

www.strawbale.pl

Polonia

www.biobudown

ictwo.org  

Slovacchia

www.ozartur.sk

Spagna

www.casadepaja.org

Ungheria

www.szalmahaz.hu

 

sito_denuclearizzato.png

 

Universita_del_bene_comune.jpg

 

sem_terra.jpg

 

Visite

   visitors

   visitor online

N W ECODESIGN - Ecodesign in Sudafrica
 
I RIFIUTI NON DEVONO ESSERE SPRECATI - ECODESIGN IN SUD-AFRICA CON HEATH NASH
 
 
1.jpg
1 - Heath Nash con due coprilumi sferici a fiori di cui uno bianco e l’altro colorato

Heath Nash ha studiato scultura presso l'Università di Città del Capo, ma ha iniziato a fare lampadari e altri prodotti “life style” dopo la laurea. Cercando una risposta alla domanda: a cosa il Sud Africa potrebbe assomigliare, o come il linguaggio del design potrebbe esprimere l’estetica contemporanea del suo paese, egli sperimenta 'tecniche artigianali' quali elevati strumenti di progettazione. Nominato Elle Decoration South Africa Designer of the Year nel 2006  per i suoi tesori creati dalla spazzatura, Heath è stato inoltre appena nominato per iniziativa del British Council imprenditore creativo dell’anno.Prima che lui si recasse alla mostra 100% Design a Londra, alla fine di settembre, PingMag ha voluto sapere come egli effettivamente riesca a riciclare bottiglie vuote fino a farle diventare perfetti oggetti preziosi, quali difficoltà si verificano quando egli crea prodotti artigianali e dove lo conduca la sua piccola impresa.  Scritto da Uleshka

Intervista.
D: Heath, in prima battuta, la creazione di oggetti “life style” provenienti dalla spazzatura di altre persone non suona troppo sexy, ma poi, guardando i tuoi oggetti, tutti i possibili dubbi volano via immediatamente.
H: Le persone sono generalmente molto scioccate sapendo che questi oggetti sono fatti dalla spazzatura, e personalmente trovo la cosa molto piacevole. (ride) Ciò dimostra ovviamente che sto facendo la cosa giusta,  e che è esattamente il punto dove io stavo cercando di arrivare! E’ possibile ri-utilizzare questo tipo di plastica e portarla subito ad un livello sofisticato.
2.jpg   3.jpg

2 - Proteacee di plastica - esperimenti con materiali di plastica liscia – 3 - Biglietto di auguri
 
4.jpg   5.jpg

4 - Una delle belle lampade di plastica piegata di Heath – 5 - The Whorl - lampadario
D: Come sei finito a mescolare il tuo fresco design con “ un non so che di fatto a mano" degli artigiani del Sud Africa utilizzando bottiglie vuote di plastica e rifiuti?
H:In principio tutti i miei lavori si basavano su fogli di carta e plastica piegati e trasformati in oggetti: lampadari, cartoline di auguri e questo tipo di roba. Ho sperimentato la sensazione tipo “l’origami incontra uno svedese”, ma nulla faceva emergere che in realtà tutto ciò era fatto in Africa. Consapevolmente, ho continuato a cercare il modo di esprimere ciò che l'Africa è,  e poi, improvvisamente ho incontrato Richard Mondongwe in un mercato dell’artigianato, che creava  questi fiori di plastica. Così ho pensato che, utilizzando i giusti materiali e la conoscenza – ovvero, fili metallici combinati a  plastica da una parte, e la competenza degli artigiani tradizionali unita a un design contemporaneo dall’altra - poteva essere creata una nuova estetica, che si adatta davvero al paese. Fondamentalmente, noi sudafricani in questo momento vogliamo distinguerci  per  l'artigianato e il design, con la creazione di un nuovo look e un nuovo modo di sentire per il nostro paese - e questo è molto eccitante!
6.jpg
6 - Appendiabiti con un bel messaggio
D: Tutto questo porta a vederti come un designer con una missione educativa.Un po 'come quello che il CCDI a Cape Town sta cercando di fare, insegnando agli artigiani di portare i prodotti tradizionali ad un livello più alto…
H: In un certo senso, sì. Mi piace molto scoprire competenze e persone e combinarle, per la creazione di prodotti con una maggiore sensibilità contemporanea, creando cose in grado di competere sul mercato mondiale. Oggetti con un significato, piuttosto che la vecchia scuola, fatta di souvenirs standard locali. Ora Richard è supervisore nella mia fabbrica e guida gli artigiani. Lui è molto bravo con i fili metallici, e anche sua moglie ora lavora con me. E 'una bella trasmissione di conoscenze e unione di forze, oltre che occasione di fornire lavoro a chi ne ha bisogno.
7.jpg   8.jpg

7- Candellabra – candelabro di fili metallici che ruotano attorno ad un punto centrale - pieghevole e piatto per un facile imballaggio, trasporto e stoccaggio o l'apertura verso uno stile africano di candelabro.
8 -Sgabello - Questo piccolo sgabello rende omaggio al sedile molto piccolo di tradizione africana.
 
 
9.jpg    10.jpg

9 - Cilindro ritagliato luminoso, Proteacee di plastica bianca e sfera luminosa a fiori.
10 - Paralumi a cilindro a fiori colorato, bianco e color birra di zenzero e una parete a fiori nello sfondo.
D: I tuoi iniziali favolosi oggetti di plastica piegata con elementi colorati, sono ora combinati con le tecniche di lavorazione dei fili metallici di Richard – il risultato è  un’interessante gamma di prodotti.Qual è il “cuore” del tuo design?
H: Gran parte del mio lavoro è composto da moduli. Un’unità, una componente che si ripete. Mi piace fare piccole unità che costituiscono un tutto più grande. E 'come disegnare tante piccole linee che eventualmente costituiscono un cerchio.
11.jpg
11 - le mani simboleggiano l'artigianato e la conoscenza, che associate alle risorse riciclate fanno un bel prodotto.
D: Vorrei sapere un pò di più del processo di creazione dei tuoi oggetti: dalla bottiglia di latte alla scultura finale - come fai questo lavoro?
H: In primo luogo bisogna trovare della plastica, che purtroppo è una cosa molto più difficile di quanto si possa immaginare. Ho finalmente localizzato alcuni punti di raccolta, due diversi centri di riciclaggio. Le bottiglie che noi prendiamo sono tutte sporche, le portiamo al nostro studio, le sciacquiamo, le puliamo, le laviamo e poi le appendiamo fino a che non sono asciutte.
12.jpg
12 - Bottiglie bianche e colorate raccolte nei centri di riciclaggio o semplicemente raccolte dalla strada.
 
Poi si taglia il manico e il fondo largo, in modo da trasformarle in un foglio di plastica. Punzoniamo le foglie con un martello e una lama collegata a un pezzo di legno.
13.jpg    14.jpg

13 - bottiglie pulite nello studio – 14 - Landela mentre punzona e crea i piccoli fiori di plastica.

Ogni foglia ha alcune pieghe su di essa, e ogni foglia deve essere piegata a mano, fondamentalmente per la creazione di piccole vene. Mentre si sta facendo questo, Richard e Landela stanno lavorando sui fili metallici.
15.jpg    16.jpg

15 - Richard mentre prepara le intelaiature con i fili metallici.
16 - Juliet che piega le venature di ogni fiore a mano.
Poi le foglie vengono legate sui fili. Questo è il modo di unire le varie unità, i pezzi modulari-base. Da quelli si possono costruire: un muro, uno schermo o un cilindro ...
17.jpg    18.jpg

17 - Intelaiature di metallo con fiori attaccati che formano un cilindro colorato.
18 - Cilindro colorato.
Ricaviamo tutti pezzi leggermente diversi, dato che la lavorazione è fatta a mano, ma questo è il processo di base.
D: Devi adeguare i modelli in termini di materiali a secondo di ciò che si può ottenere da essi?Immagino, ad esempio, che non vi è sempre la stessa quantità di bottiglie rosa, no?
H: Sì, il colore è davvero un argomento difficile da affrontare. Questo è il motivo per cui le luci bianche sono molto più facili da fare. Non vi è mai una carenza di bottiglie del latte, ma, volendo vedere oggetti di plastica viola o blu...si è totalmente condizionati dalla casualità del riciclaggio per ottenerli. E’ follia, ma in realtà  ho bisogno di più di immondizia di quella disponibile!
20.jpg
20 - Coprilume sferico a fiori bianco
21.jpg
21 – I Coprilumi sferici accesi.
 
D: Da qualche parte hai parlato di un tuo sogno: una banca centralizzata di materiale riciclato ...
H: Assolutamente! Questo è ciò che mi piacerebbe avere, in modo di non dover raccogliere la mia plastica! Basta chiamare e ordinare 50 bottiglie rosse, 30 rosa ... - ma questo finora è un sogno!
In realtà, è molto più facile andare in giro, raccogliere alcune bottiglie e fare da sè. Se vuoi organizzare qualcosa che sia sostenibile e da cui poter tirar fuori qualcosa, ancora ci vuole molto tempo affinché sia realizzato!
D: Posso immaginare!Cosa fai se ti arrivano davvero grandi ordini?Come puoi sostenere la tua produzione?
H: Il design sui materiali riciclati è molto costoso, essendo un processo che richiede molto tempo. Proprio come per gli ortaggi biologici - è più costoso ottenerli. La sfera a fiori colorata, ad esempio, è qualcosa che puoi vendere soltanto fuori dall’Africa, alle persone che capiscono che per alcune cose vale la pena di pagare un certo prezzo. In questa momento è più di un prodotto di fascia alta.

22.jpg
 
22- Sfera di luce colorata incandescente
Sto cercando di collaborare con una società denominata Street Wires. Spero di poter insegnare ai loro artigiani come fare i miei prodotti in modo che essi possano prendere i miei ordini e fabbricare prodotti per un mercato più vasto. Poi potrei mantenere il mio team di 5 persone per la creazione di prototipi, per fare modelli e sperimentare nuovi prodotti. Ho molta voglia di mantenere la produzione in Sud Africa, mantenerlo a livello locale, ma è difficile perché effettivamente è molto costoso produrre qui.
23.jpg    24.jpg

23 - uno degli  schermi di Heath
24 - Lo stesso schermo di fronte ad una finestra illuminata dalla luce del giorno.

D: Per alcuni dei tuoi prodotti – gli schermi di separazione, ad esempio, o i paralumi a pieghe - non sono utilizzati materiali riciclati, ma polipropilene fustellato.Intendi mantenere la produzione di oggetti usando sia materiali riciclati che nuovi?
H: Sono costantemente alla ricerca di nuovi modi di utilizzare materiali riciclati, perché ce ne sono molti che non sono stati utilizzati, ma allo stesso tempo devo trovare il sistema di produrre oggetti che posso vendere a prezzi più convenienti. I prodotti fustellati adempiono a tali ruolo, perché compri solo della plastica, che hanno inserito in una macchina, tagliato, piegato ed è fatta. E' un modo meno costoso di fare le cose e facile da distribuire. Ed è questo che fondamentalmente mi tiene in piedi.
25.jpg
25 - Uno schermo piuttosto grande nello studio di Heath pronto per la consegna.
 
D: Hai appena scritto un piccolo manifesto per il Design Indaba Magazine sul riciclaggio.Qual è il punto più importante qui?
H: Ho dimostrato che il riciclaggio deve avvenire qui in Sud Africa (e ovunque nel mondo localmente). Qui nessuno ricicla! Non vi è alcuna infrastruttura per farlo, quindi è basilare per ogni singolo individuo separare le cose - ma nessuno lo sta facendo davvero! Quando ho scoperto questo materiale che appariva così bello, ho pensato che era una grande opportunità per risvegliare in alcuni la coscienza e la consapevolezza, e che queste cose sono troppo preziose per essere sprecate!
26.jpg    27.jpg

26 - Ogni piccolo pezzo può essere riciclato: un portatovagliolo color birra di zenzero  
27 - Portatovagliolo trasparente.
 
D: Hai vinto un paio di grandi premi di recente, hai avuto la grande opportunità di essere invitato non solo a “100% Design” a Londra, ma anche ad altri programmi di lavoro imprenditoriale dal British Council, hai avuto un incontro con Sir Terence Conran ... A parte i tuoi piani per espandere la tua produzione e delegare il lavoro in modo da avere più tempo per la progettazione  - su cosa vorresti concentrarti in futuro, una volta stabilizzata la tua libertà?
28.jpg    29.jpg

28 - Luci e schermo in una delle varie mostre di Heath.
29 - The Curl – un foglio fustellato di  polipropilene, che si piega formando questa spirale morbida, girando intorno ad una lampadina. The Curl  può essere utilizzato sia in verticale (appeso)  che in orizzontale - e ricorda i dettagli geometrici di certi mobili intagliati africani.

H: Essendo uno scultore originariamente, io amo giocare con lo spazio e sarebbe bello fare le cose in spazi più grandi, pannelli, schermi e oggetti che comunicano realmente in una grande sala ... ma tutto questo è un processo lento. Per ora voglio contribuire positivamente alla sostenibilità del mondo, piuttosto che fare arbitrariamente.
Heath, tante grazie!Presteremo davvero molta attenzione alle reazioni che si registreranno a Londra e ai prodotti che usciranno il prossimo anno al Design Indaba!
 

 


Creation date : 01/12/2008 @ 10:07
Last update : 10/12/2008 @ 07:58
Category : N W ECODESIGN
Page read 4424 times


Print the article Print the article


CHI SIAMO

Close NEWORLD

 

facebook-logo-jpg2.jpg

 

   banner_NW_160x320.jpg

   NWARTLOGO.jpg

   NWART_banner160.jpg

   OPENARTMARKETLOGO.jpg

 

   sbilanciamoci.jpg

ecologia_al_governo2010.jpg

DIECI PROPOSTE PER CAMBIARE

L'ECONOMIA E LA SOCIETA'

stopalconsumoditerritorio.jpg

http://www.stopalconsumoditerritorio.it/

 

 

 intestazionescuolaverdeWEB.jpg

Ricerca



Calendario

 

 


 

 

  

2010 ANNO INTERNAZIONALE

DELLA BIODIVERSITA'

2010_logo_160.jpg

 

custodi_bio-banner_160.jpgcustodi_bio-banner_160.jpg

via_campesina_banner.jpg

rete_semi_rurali.jpg

 

Ribes_banner.jpg

Reteitalianagermoplasma

 

global_seed_vault_160.jpg

Global Seed Vault

 

bannercentroRicicloVedelago.jpg

Centro Riciclo Vedelago: come

fare a meno degli inceneritori!

  

 IPEN.jpg

 

banner_Stockholm_convention.gif

Stockholm Convention on

persistent organic pollutants
 

convegno_Piero_Bevilacqua.jpg

www.neworldproject.it/

articles.php?lng=it&pg=125 


jungo_banner.jpg

Abbatti il traffico!

www.jungo.it

 

 adotta_un_kw.jpg

  

 

 

vivai_belfiore.jpg

www.vivaibelfiore.it/index.shtml

 

La_selva_armonica_banner.jpg

www.laselvaarmonica.com/

 

 

 

 

 

^ Top ^